Recensioni

Jurassic World: Camp Cretaceous, la recensione della serie Netflix

Fin dal suo primo sequel, il franchise “Jurassic Park” ha sempre cercato di ricreare la magia del film di Steven Spielberg su una pericolosa attrazione turistica, e tutte le emozioni che vengono dalla scoperta, dinosauri e distruzione. La serie animata Netflix “Jurassic World: Camp Cretaceous” mostra che c’è ancora un sacco di eccitazione da estraniare nel caos “Jurassic Park” dal vecchio stile, in cui il grande punto di forza qui è che è animato, e presenta un gruppo di adolescenti. Ancora più importante, questa versione TV-PG (esecutivo prodotto da Spielberg, Frank Marshalle Colin Trevorrow), è estremamente intelligente su come espandere le emozioni attese a qualcosa che non sembra solo usa e getta come un cartone animato del sabato mattina.

Jurassic World Camp Cretaceous Ending

Ambientato durante gli eventi di Jurassic World, gli eroi di “Camp Cretaceo” sono molto più innocenti degli adulti che hanno interpretato Dio nei precedenti film di “Jurassic Park”; sono solo sull’isola di Isla Nublar per divertimento. “Camp Cretaceous” è un speciale programma estivo, dove un gruppo di adolescenti sono destinati ad supervisionare i dinosauri da vicino, o anche provare delle zip-line. Il nostro eroe principale in particolare è l’autoproclamato “dino-nerd” Darius (Paul-Mikél Williams), che vince la possibilità di essere sull’isola dopo aver sconfitto una partita VR sul parco, grazie anche alla conoscenza datagli da suo padre. Si unisce a persone come l’influencer Brooklynn (Jenna Ortega), il solitario e anche ricco Kenji (Ryan Porter), l’estremamente amichevole Sammy (Raini Rodriguez), il preoccupato ben ( Sean Giambrone) e l’introverso Yaz (Kausar Mohammed). I loro accompagnatori sono Roxie (Jameela Jamil) e Dave (Glen Powell), due adulti che sono impotenti al caos che si scatena quando i dinosauri si scatenano. Tali dino includono un Carnotaurus veloce, un torreggiante Indominus Rex, un gruppo di rapaci, e anche un adorabile Ankylosaurus di nome Bumpy.

Jurassic World Camp Cretaceous5

Ero scettico su gran parte di questa serie, dal Trailer i bambini sembravano un gruppo standard, e alcune delle battute erano particolarmente banali, come se tutti cercando di educare i giovani spettatori nei cliché. Effettivamente l’animazione è un po ‘palafitta e, con l’eccezione dei dinosauri, vestiti, sfondi. Ma l’azione è grande, con le sequenze che prendono dopo i film nei modi migliori. Per di più, la trama conduce gli episodi di 22 minuti fino a un cliffhanger, rendendo la scelta di scoprire cosa succede nel prossimo episodio, quanto la storia con successo mi ha conquistato, soprattutto nell’attenzione che dà agli adolescenti. Come con la storia di Darius con la perdita di suo padre, o le idee genuine di creare amicizia, la serie ha la capacità di sgattaiolare su di voi. C’è un flashback con Darius e suo padre nell’episodio quattro che è un punto culminante dello spettacolo. E altri adolescenti hanno un momento in cui un segreto viene alla luce, o imparano qualcosa sull’amicizia. E ‘anche nell’episodio quattro che lo spettacolo prende davvero il via, anche se i precedenti hanno i loro set-pezzi emozionanti. Gli adolescenti si trovano in una situazione simile agli altri film – perdersi in questo nuovo mondo di dinosauri – e il ritmo diventa ancora più veloce mentre corrono per la loro vita in sequenze d’azione sapientemente progettate in un campo, sull’acqua o su una monorotaia della pista.

Jurassic World Camp Creatceous Review

Avrebbe potuto essere un film, ma per fortuna che questo significa che ci sono otto episodi di inseguimenti emozionanti e close-calls, che significa otto sequenze robuste di pura indulgenza “Jurassic Park”. Diventa anche più divertente, come quando il nevrotico Ben cerca di confortare i suoi amici in un episodio successivo dicendo loro: “Ho memorizzato il piano di evacuazione sulla strada (per l’isola)”. Lui, come gli altri, si dimostra una variazione divertente sul tipico visitatore di Jurassic Park. “Camp Cretaceous” non si sottrae al servizio dei fan, almeno nel modo in cui riconoscerete tanti riferimenti alla intera saga, come un Mosasaurus che spunta dall’acqua che cerca di banchettare (come in “Jurassic World”) o un’altra battuta su un grande mucchio di dino doo-doo, come in “Jurassic Park”.

Il divertimento di “Camp Cretaceo” è simile, e degno della trilogia originale in particolare. E grazie alla cura che si è apportata, è più speciale di un semplice spin-off.

VOTO FINALE: 7

Articoli correlati
Recensioni

Prey (2022) - La recensione del prequel di Predator

“Prey” vale la pena spendere i soldi per vederlo sullo schermo più grande…
Continua
Recensioni

American Beauty (1999)

American Beauty è un film del 1999 scritto da Alan Ball e diretto da Sam Mendes, vincitore di…
Continua
Recensioni

Alien Covenant (2017)

Alien: Covenant è un film del 2017 diretto da Ridley Scott. La pellicola è il sequel del film di…
Continua
VUOI DIVENTARE UN AUTORE NERD CAFFÉ?
Questa è l'occasione giusta

Potrai contribuire scrivendo le notizie, le recensioni e gli articoli che vengono pubblicati ogni giorno sul sito. La collaborazione è a titolo gratuito e non è prevista retribuzione.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *