Varie

Star Wars: James Earl Jones dice addio a Darth Vader

Dopo 45 anni, James Earl Jones sta dicendo addio alla galassia molto, molto lontana ritirandosi ufficialmente da Star Wars .

Jones ha firmato i diritti per la voce del suo personaggio Darth Vader con Lucasfilm e Respeecher. Quest’ultima è una compagnia ucraina che utilizza registrazioni d’archivio e un programma di intelligenza artificiale per creare nuovi dialoghi con le voci di artisti che sono invecchiati dai loro ruoli o sono morti. Questo metodo è stato recentemente utilizzato per ricreare la voce di un giovane Luke Skywalker (Mark Hamill) per Il libro di Boba Fett e per imitare la voce di Vader, da cui Jones è ormai invecchiato, per le sue scene in Obi-Wan Kenobi .

Matthew Wood, un montatore del suono alla Lucasfilm, ha registrato la voce di Jones numerose volte durante i suoi 32 anni di carriera con la compagnia, l’ultima delle quali per The Rise of Skywalker . Quando Wood ha mostrato le capacità di Jones Respeecher, l’attore ha accettato di cedere i diritti sulla sua voce per mantenere in vita Vader. “[James] aveva detto che stava cercando di porre fine a questo particolare personaggio”, ha detto Wood. “Allora come possiamo andare avanti?” Sebbene molti studi riformino i doppiatori quando l’interprete originale non può più interpretare la parte, il suono distinto di Jones è diventato sinonimo di Vader.

George Lucas ha assunto Jones per la prima volta per doppiare la voce di David Prowse, l’attore che interpretava Vader sul set, durante la post-produzione di A New Hope del 1977 . Sebbene il lavoro abbia fatto guadagnare a Jones solo $ 7.000 all’epoca, ha trasformato l’attore in un nome familiare. Da allora Jones ha doppiato l’iconico cattivo in più di una dozzina di progetti legati a Star Wars .

Negli ultimi anni, ci sono state controversie sull’uso della CGI e di altre tecniche digitali per ridurre l’età e scegliere gli attori defunti postumi. La tecnica è stata utilizzata per ricreare Grand Moff Tarkin e una giovane principessa Leia per Rogue One: A Star Wars Story , che il pubblico ha incontrato con un’accoglienza mista. Una delle principali fonti di controversia è che gli attori scomparsi, come Peter Cushing di Tarkin, non sono in grado di dare il loro consenso affinché gli studios utilizzino le loro sembianze nei loro progetti. Il fatto che Jones abbia dato la sua benedizione a Lucasfilm per usare il suo caratteristico baritono nei futuri contenuti di Star Wars , compresi quelli prodotti dopo la sua morte, potrebbe alleviare queste preoccupazioni per i fan.

Jones ha goduto di una carriera che dura da più di 60 anni ed è tra i pochi artisti a guadagnare l’ambito EGOT (un Emmy, Grammy, Oscar e Tony). Oltre a Darth Vader, ha recentemente ripreso i ruoli di Mufasa nel remake di Jon Favreau del 2019 de Il re leone e di re Jaffe Joffer in Coming 2 America .

 

Articoli correlati
Varie

Eagle Pictures: Ecco gli imperdibili cofanetti Home Video da regalare a Natale 2022

In occasione di dicembre 2022, Eagle Pictures propone un Natale a base del miglior cinema Home…
Continua
Varie

Disney 100 anni, il concerto evento arriva anche in Italia

Disney 100 anni un compleanno importante per la Casa di Topolino che ha deciso di realizzare uno…
Continua
Varie

Angela Lansbury: Ci lascia a 96 anni

Dame Angela Lansbury, star di lunga data della serie TV di successo, Murder, She Wrote, e la voce…
Continua
VUOI DIVENTARE UN AUTORE NERD CAFFÉ?
Questa è l'occasione giusta

Potrai contribuire scrivendo le notizie, le recensioni e gli articoli che vengono pubblicati ogni giorno sul sito. La collaborazione è a titolo gratuito e non è prevista retribuzione.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *