Varie

Daft Punk: si separa il duo che ha reinventato l’elettronica e lo fa con un video da botto

I Daft Punk , uno dei gruppi più influenti e popolari emersi negli ultimi 30 anni, hanno annunciato il loro ritiro tramite un video intitolato “Epilogue” pubblicato lunedì mattina. La pubblicista di lunga data del duo, Kathryn Frazier, ha ufficialmente confermato la separazione con Variety e ha rifiutato di fornire ulteriori dettagli.

Il video di otto minuti presenta il duo – Thomas Bangalter e Guy-Manuel de Homem-Christo – che per molti anni hanno nascosto le loro caratteristiche dietro un concetto di robot, camminando per il deserto, indossando i loro familiari caschi spaziali e giacche di pelle. Dopo pochi istanti, uno dei membri guarda l’altro, si toglie la giacca e rivela un impacco di energia sulla schiena. L’altro tocca un pulsante sulla confezione. Il primo membro si allontana rapidamente e poi esplode.

La scena si sposta su un tramonto, o forse un’alba, mentre suona una versione corale della canzone del gruppo “Touch”.

La canzone proviene dall’album del duo “Random Access Memories” del 2013, che per molti versi è stato il culmine della loro carriera. L’album, che includeva il singolo di successo mondiale “Get Lucky”, vinse il Grammy Award come miglior album l’anno successivo. Da allora il duo ha mantenuto un profilo molto basso, con il loro lavoro più importante è stato una collaborazione con Weeknd su due canzoni dal suo album del 2016 “Starboy”, la title track e “I Feel It Coming”.

Mentre il loro rappresentante ha rifiutato di dire se il duo continuerà a lavorare insieme sotto nomi diversi o se altri nuovi progetti sono in lavorazione, sembra probabile, considerando la famosa storia contrarian e derisoria delle convenzioni del gruppo, che continueranno a pubblicare musica, video e qualunque altro progetto colpisca la loro fantasia. È anche possibile che questo annuncio possa essere l’inizio di un nuovo progetto.

Bangalter e de Homem-Christo si sono conosciuti a metà degli anni ’80 a scuola a Parigi da adolescenti e subito dopo hanno iniziato a lavorare insieme sulla musica. Hanno formato una rock band chiamata Darlin ‘, ispirata all’omonima canzone dei Beach Boys, con il loro amico Laurent Brancowitz nel 1992 e hanno pubblicato una canzone su una compilation sull’etichetta Duophonic degli Stereolab. La canzone ha ricevuto una recensione negativa dal Melody Maker – che l’ha definita “uno stupido thrash punky” – e, con una mossa che avrebbe dato il tono al resto della loro carriera, ha trasformato la recensione negativa nel nome della loro nuova band. I due decisero di concentrarsi sulla musica elettronica; Brancowitz se ne andò e alla fine formò i Phoenix.

Il duo ha dato il tono sonoro al nuovo gruppo con il loro primo singolo, “The New Wave”, pubblicato nel 1994. È stato seguito l’anno successivo da “Da Funk”, che è diventato un singolo di successo europeo e ha costituito il modello per il loro debutto album, “Homework”, pubblicato alla fine del 1996. La coppia, insieme al manager Pedro Winter, ha stabilito un forte percorso autodeterminato dall’inizio, chiedendo il controllo artistico e la proprietà dei loro maestri, che hanno concesso in licenza alle principali etichette discografiche sul anni.

L’album è stato uno dei migliori dell’ondata di album dance elettronica della metà degli anni ’90 e ha portato il duo, che a questo punto si esibiva ancora senza travestimenti, alla celebrità internazionale. Hanno fatto numerosi tour e si sono impegnati in progetti esterni e da solista e hanno pubblicato una serie di video innovativi su “Homework”. Verso la fine del decennio, il duo ha inventato una storia comica sull’essere feriti in un’esplosione ed essere costretti a nascondersi dietro maschere robotiche, e non è mai apparso pubblicamente senza di loro.

Il duo pubblicò il secondo album, “Discovery” nel 2001, guidato dal singolo “One More Time” – il “disco-very” implicito nel titolo non fu casuale, poiché l’album era di natura più pop rispetto al debutto e al set una tendenza al ribaltamento delle aspettative. In effetti, il successivo album del duo, “Human After All”, è stato registrato rapidamente e probabilmente suonava come basi musicali, ma quelle tracce sono diventate la base per le galvanizzanti date dal vivo del duo nel 2006 e 2007, che includeva una performance decisiva al Aprile 2006, uno spettacolo che più di un autore di musica dance ha dichiarato “la nascita dell’EDM”. Esibendosi all’interno di un’elaborata piramide illuminata, il gruppo ha fatto un tour internazionale dietro l’album, pubblicando un album dal vivo esplosivo, “Alive 2007”, diversi anni dopo.

La coppia trascorre i diversi anni successivi a ribaltare di nuovo le aspettative: dopo essersi definiti l’atto elettronico definitivo, hanno registrato tutti i “Random Access Memories” con strumenti dal vivo e non hanno utilizzato alcuna attrezzatura digitale (tranne il mix dell’album). L’album comprendeva un’improbabile serie di artisti e cantanti ospiti, dal chitarrista Chic Nile Rodgers e il cantante-rapper Pharrell Williams al cantautore degli anni ’70 Paul Williams e musicisti che avevano lavorato all’album “Off the Wall” del 1979 di Michael Jackson. Il risultato finale è stato una combinazione ad ampio raggio di suoni futuristici e vintage che ha portato il duo a nuovi livelli di popolarità, conquistando il Grammy Album of the Year nel 2014. Il duo ha celebrato la vittoria con una festa costellata di stelle a Los Angeles – completo di una pista da ballo illuminata, alla “Saturday Night Fever” – dopo la cerimonia dei Grammy a cui hanno partecipato Beyonce e Jay-Z, Paul McCartney, Madonna e molti dei collaboratori dell’album e altri luminari.

A parte le due canzoni con i Weeknd, gli sforzi musicali del duo negli anni successivi sono stati di basso profilo. Ma data la loro storia passata, è estremamente improbabile che abbiamo sentito l’ultima cosa da Bangalter e de Homem-Christo, indipendentemente dal fatto che lavorino insieme o meno, o come Daft Punk.

Articoli correlati
Varie

Star Wars: James Earl Jones dice addio a Darth Vader

Dopo 45 anni, James Earl Jones sta dicendo addio alla galassia molto, molto lontana ritirandosi…
Continua
Varie

Le grandi Saghe: Panini presenta la nuova collana sulle storie Disney più amate.

Panini Comics presenta una nuova imperdibile collana ricca di albi da collezionare: Le Grandi…
Continua
Varie

Paramount+ arriva in Italia dal 15 settembre, ecco i prezzi e programmazione

Il 15 settembre 2022 arriva Paramount+ la nuova piattaforma streaming di Paramount Global che sarà…
Continua
VUOI DIVENTARE UN AUTORE NERD CAFFÉ?
Questa è l'occasione giusta

Potrai contribuire scrivendo le notizie, le recensioni e gli articoli che vengono pubblicati ogni giorno sul sito. La collaborazione è a titolo gratuito e non è prevista retribuzione.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *