Recensioni

Hellboy (2019)

Hellboy mette subito le cose in chiaro: il film di Neil Marshall è qui per esagerare, in tutti i sensi, anche negativi.

Hellboy di Neil Marshall non ha nulla da spartire con i due film di Guillermo Del Toro. È inquadrato in un contesto diverso e arriva dopo la fine dell’opera di Mike Mignola, fattore importante per il trattamento di questa seconda trasposizione.

Il reboot in breve è un film che taglia e ricuce parti essenziali o secondarie di Hellboy, dove a stringere e a usare le forbici è il suo stesso autore, chiamato a supervisionare passo dopo passo la sceneggiatura per far convivere insieme la dualità dell’anima del personaggio, il mondo d’azione e le necessità produttive legate alla trasposizione. Quando Mignola spiega dunque che “si tratta della sola versione originale di Hellboy“, non mente, ma estremizza quello che per lui è l’unico modo di portare sul grande schermo Red, sfruttando il suo Universo al 100%, senza censure o troppe “revisioni”.

A differenza di Del Toro, regista dal forte taglio autoriale e riconoscibile, Marshall non ha infatti quella spinta riesaminatrice in più, intenzionata a dare un’interpretazione personale e dal deciso valore artistico a un progetto simile, riducendosi a dirigere in silenzio e senza controllo tutto il materiale che si vede consegnare da altri. È certamente capace, sicuramente la scelta più giusta per regalare ai fan un reboot tanto spinto sul gore, sul noir e su una decisa violenza, ma manca di visione, di tatto stilistico e – più di tutto – sembra tendenzialmente accontentarsi.

10 hellboy.w1200.h630

Fortunatamente Marshall è un regista navigato in un certo tipo di cinema, anche di Serie B (vedi Dog Soldier o Doomsday, ma anche The Descent), è capace quindi di tirare fuori il meglio di sé in situazioni di mancanza.
Sì, l’opera pecca soprattutto (ma in grande) in determinate scelte post-produttive, impossibili da giustificare e che hanno un loro peso specifico sulla riuscita generale, ma quando si tratta di raccontare il mondo e i personaggi creati da Mignola, Hellboy è un cinecomic a suo modo fenomenale. Non solo ha il coraggio di puntare su di uno spettacolo sanguinoso e dai toni marcatamente cupi, ma rispetta e amplifica cinematograficamente le atmosfere e i toni del fumetto, dando giusta trattazione alle creature che lo abitano da sempre, partendo dallo stesso Red fino a Baba Yagao al Gruagach.
Parlando del Gigante Rosso, non possiamo che applaudire e ritenerci soddisfatti dell’interpretazione di David Harbour, che non fa rimpiangere per un secondo il buon Ron Perlman, anzi, dà al personaggio sfumature diverse e sorprendentemente meno mature del suo predecessore, rivelandosi una scelta oculata.

hellboy v1 584903

La terrificante Baba Yaga e il suo splendido look artiginale, però, che rende una delle nemesi più impietose e intelligenti di Hellboy, una villain molto più agghiacciante e terribile rispetto alla controparte cartacea. Proprio come l’adattamento di The Corpse, che vede l’introduzione di Alice Monaghan (Sasha Lane) o del Gruagach, anche la storyline di Baba Yaga ci viene presentata come se fosse un melodioso inciso all’interno della sonata della caccia a Nimue, ma in realtà è tutto collegato con intelligenza e ogni parte convive in armonia con l’altra, senza minare il ritmo del racconto, generalmente serrato e mai con reali fasi di stanca.

hellboy v1 584902

È forse l’ultima parte ad accelerare fin troppo la storia e scadere in fastidiosi e facili cliché, senza regalare al pubblico la sontuosa risoluzione promessa. Si chiude l’intera situazione in un paio di minuti, tra una chiacchierata, qualche testa mozzata, un combattimento interessante ma rovinoso e frenetico nel modo sbagliato e una CGI diabolica. Si poteva trovare una situazione più efficace? Assolutamente sì, anche sfruttando gli effetti prostetici o lavorando di più sullo scontro di cui sopra, ma si è scelta la vita dei VFX, sbagliando.

Poco male, a dire il vero, perché in realtà Neil Marshall sceglie di concludere Hellboy in stile metal e gore, in una delle sequenze d’azione più belle dell’anno (insieme alla Caccia ai Giganti) che stringe infine il campo su una bella e gradita sorpresa, che insieme alle due scene post-credit apre all’Universo Cinematografico di Mignola.

Un film grottesco ma bello per il suo trash, con uno stile anni 90 (sicuramente voluto).

VOTO FINALE: 7

RECENSIONE DI PRAITS

Articoli correlati
Recensioni

Kinds of Kindness: La nostra recensione del nuovo film di Lanthimos

Dopo neanche un anno dall’uscita di Povere Creature! Yorgos Lanthimos torna a dirigere un film con…
Continua
Recensioni

Il regno del pianeta delle scimmie: La recensione dell'ultimo capitolo della saga

Una trilogia che ci ha fatto emozionare e troppo poco considerata quando si parla di saghe…
Continua
Recensioni

La Profezia del Male: La nostra recensione del film horror con Jacob Batalon

Cosa accadrebbe se un gruppo di amici leggessero il proprio oroscopo usando un mazzo di tarocchi…
Continua
VUOI DIVENTARE UN AUTORE NERD CAFFÉ?
Questa è l'occasione giusta

Potrai contribuire scrivendo le notizie, le recensioni e gli articoli che vengono pubblicati ogni giorno sul sito. La collaborazione è a titolo gratuito e non è prevista retribuzione.

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *