Recensioni

Blade Runner 2049 (2017)

Blade Runner 2049 è un film del 2017 diretto da Denis Villeneuve, sequel di Blade Runner del 1982, diretto da Ridley Scott.

—- Trama —-

Anno 2049. Dopo gli eventi narrati nel primo film, i replicanti Nexus hanno innescato una nuova ribellione, segnando la messa al bando della produzione. La celebre azienda produttrice Tyrell Corporation ha dichiarato bancarotta. La crisi su scala mondiale ha permesso la creazione di un monopolio bio ingegneristico, capitanato da Niander Wallace. La sua industria lavora nel campo della coltura sintetica, scongiurando carestie e reintroducendo i Replicanti nella vita civile, iniziando la produzione di nuovi modelli assolutamente ubbidienti ed affidabili. Il corpo speciale di polizia Blade Runner è tuttora attivo con il compito di “ritirare” i vecchi modelli della serie Nexus Otto, possibile minaccia ed ancora in circolazione.

L’Illusione più pericolosa di tutte.

Blade Runner 2049 è un film fantascientifico di stampo distopico che riprende gli eventi narrati nella pellicola precedente offrendo una nuova visione ed una nuova storia, con l’inserimento di nuovi personaggi e la conferma di Harrison Ford.
Villeneuve offre uno spettacolo visivo nettamente superiore alla pellicola precedente, l’impatto scenografico è il punto di forza della pellicola che offre comunque, una storia ben oliata e riesce soprattutto a suddividere in maniera egregia la presenza scenica dei 2 attori principali Gosling e Ford.

Difficilmente un Sequel riesce nell’arduo compito di essere migliore della storia originale ma, Blade Runner 2049, un po’ come Dark Knight di Nolan non solo riesce nell’impresa di spodestare il classico di Ridley Scott ma, riesce ed ad offrire spunti di riflessione sulla figura del Protagonista K e su tutto quello che ruota attorno a questa Storia.

Ovviamente questo è un parere personale, molti hanno preferito il Capitolo con protagonista Harrison Ford ma, per il sottoscritto Blade Runner 2049 non solo sovrasta a mani basse il predecessore ma, entra di diritto nella Top 3 dei migliori Film di Fantascienza mai realizzati ad oggi.

La figura dell’Agente K, interpretato in maniera perfetta da Ryan Gosling ha un Background talmente perfetto e veritiero che risulta quasi impossibile non trovare analogie e storie di vita vissute nell’arco della nostra vita.

Tutto il processo di presentazione, evoluzione, convinzione e caduta del protagonista sono semplicemente perfette.
Riuscire poi, nell’arduo compito di prendere un altro personaggio, ovvero Joy interpretato da una bravissima Ana de Armas e farlo crescere passo dopo passo fino alla giusta conclusione con la sconfinante e disastrosa verità e realtà della vita che l’interazione tra lei e K è e resterà “L’illusione più pericolosa di tutte” ed allo stesso tempo l’atroce e veritiera altra faccia della medaglia dove la vita non è fatta di rose e fiori ma anche di solitudine, rinnegazione e via dicendo, Villeneuve grazie ad un soggetto forte e ben oliato ed ad un Cast in pieno stato di grazia tira fuori il meglio da tutti, offrendo il peggio che può capitare alle persone: credere e restare senza niente in mano.

Fortunatamente, un altro punto di forza della Pellicola è nel non esagerare nel riportare troppo sullo schermo Harrison Ford che, fa la sua buona figura, offrendo al suo personaggio il giusto spazio e le giuste sfumature senza invadere troppo lo spazio al vero protagonista.

L’altra faccia della medaglia del Film, nel quale onestamente ne esce con le ossa rotte rispetto al precedente è la mancanza di un Villain carismatico come lo era stato Rutger Hauer; purtroppo il personaggio di Leto è troppo sintetizzato ed abbandonato troppo velocemente ed è un peccato perché aveva il potenziale per essere sfruttato meglio.

Effetti speciali e visivi degni di lode e minutaggio perfetto per raccontare la storia.

Le atmosfere che si respirano lungo la pellicola sono degne della pellicola precedente e grazie soprattutto ad un enorme passo avanti della tecnologia e dei mezzi a disposizione, tutto è stato migliorato e raffinato al massimo.

Recitazione buona, soprattutto grazie ad un ottimo Ryan Gosling che prende l’eredità di Ford e offre una performance degna di nota.

Purtroppo, come il predecessore, Blade Runner 2049 al Cinema non ha avuto buoni riscontri, rovinando completamente il lavoro di Villeneuve e togliendo ogni speranza di avere un Sequel che, serviva come il pane per concludere l’arco narrativo e dare una spiegazione a certe parti del Film che erano state volutamente rimaste aperte.

In finale, Blade Runner 2049 è un ottimo film di fantascienza con l’unico difetto di aver lasciato un po’ troppo in disparte quello che doveva e poteva essere l’antagonista principale della pellicola ma che, riesce ad ovviare a questa pecca grazie ad un ottimo spettacolo visivo

Vivamente consigliato

Voto 9.5

Articoli correlati
Recensioni

Prey (2022) - La recensione del prequel di Predator

“Prey” vale la pena spendere i soldi per vederlo sullo schermo più grande…
Continua
Recensioni

American Beauty (1999)

American Beauty è un film del 1999 scritto da Alan Ball e diretto da Sam Mendes, vincitore di…
Continua
Recensioni

Alien Covenant (2017)

Alien: Covenant è un film del 2017 diretto da Ridley Scott. La pellicola è il sequel del film di…
Continua
VUOI DIVENTARE UN AUTORE NERD CAFFÉ?
Questa è l'occasione giusta

Potrai contribuire scrivendo le notizie, le recensioni e gli articoli che vengono pubblicati ogni giorno sul sito. La collaborazione è a titolo gratuito e non è prevista retribuzione.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *