Recensioni

Prey (2022) – La recensione del prequel di Predator

“Prey” vale la pena spendere i soldi per vederlo sullo schermo più grande possibile. Gli ampi spazi aperti dell’Alberta sono fantastici, c’è un sacco di azione e la straordinaria colonna sonora di Sarah Schachner merita di essere sentita con un buon impianto audio. L’originale “Predator” con Arnold Schwarzenegger compie 35 anni quest’anno; quale modo migliore per festeggiare se non con un prequel migliore di uno qualsiasi dei suoi sequel? Il team di marketing avrebbe potuto fare meglio per promuovere questa connessione. Prey è scritto da Patrick Aison e il cast include molti attori nativi americani e della First Nation tra cui Stormee Kipp , Stefany Mathias , Michelle Thrush e Julian Black Antelope .

“Prey” si autodefinisce la storia delle origini del primo alieno Predator ad apparire sulla Terra. Questo è dotato di versioni leggermente retrò delle armi brandite dal compianto attore Kevin Peter Hall nel primo film. Il modus operandi del Predator è però lo stesso: è un cacciatore ed è alla ricerca di trofei. Questo dà alla creatura una sorta di spirito affine a Naru ( Amber Midthunder ), una giovane guerriera che desidera cacciare come i maschi della sua tribù, incluso suo fratello, Taabe ( Dakota Beavers ).). Naru viene presa in giro dai ragazzi, che affermano che la caccia è un lavoro da uomini, ma vedremo che può cavarsela anche in una rissa. È due volte più tosta di quanto sembra e tre volte più attenta delle altre. Naru è quella che per prima nota che c’è una nuova creatura nella loro terra. Forse potrebbe avere qualcosa a che fare con quella scia ardente di fuoco che aveva visto all’inizio  nel cielo.

prey blogroll2 1659314659086

Il franchise di Predator non è mai stato particolarmente complesso e ha sempre sofferto per gli inevitabili paragoni con Alien, ma Prey è realizzato con la consapevolezza di quali semplici piaceri ci aspettiamo e godiamo e, non c’è tentativo confuso o fallito di aggiungere molta profondità o esposizione. Nonostante sia un prequel, non c’è alcun tentativo di approfondire la mitologia e le origini del Predator e nessun suggerimento che il mondo stia ricevendo un’espansione più profonda in qualunque momento.

Tuttavia, la battaglia finale è immersa nell’ombra della notte, rendendo difficile discernere cosa sta succedendo mentre sia il predatore che la preda scatenano un arsenale di gadget. Questo ha senso come contrasto con la luminosità e la chiarezza di altre scene d’azione, ma potrebbe richiedere più visualizzazioni per analizzare tutti i dettagli. È anche estremamente interessante che il film sia stato prodotto da  Jhane Myers , un membro della nazione Comanche, e la maggior parte del cast sia nativo americano o canadese First Nation , suggerendo un ammirevole impegno per l’autenticità. 

MV5BOGY0NTY1NzgtNmQyOC00ZjExLWEzYTMtYzg4MmYzMGMxY2Y2XkEyXkFqcGdeQXVyMTEyMjM2NDc2. V1  scaled

Questo è senza dubbio il miglior film di Predator che abbiamo avuto dall’originale, con un protagonista ben sviluppato (e il suo eccellente cane), una ricca base culturale e un uso intelligente di un iconico mostro cinematografico. Altri film di fantascienza dovrebbero adottare questo tipo di approccio radicato e questo franchise dovrebbe semplicemente mettere i suoi cacciatori di alieni contro gli umani in ambientazioni storiche magnificamente realizzate d’ora in poi. Anche la natura si dimostra un’avversaria crudele, ma è pronta anche per questo. Gli eroi della storia e il loro villaggio pullula di un senso di cameratismo. Anche se il film è per lo più in italiano (una versione completa in lingua comanche è stata girata in tandem, ed è disponibile selezionandolo sui contenuti speciali e non sul menù lingue).

Altra cosa interessante in una scena del film, la protagonista viene in possesso di una pistola ad avancarica, con cui poi ferisce il Predator alle spalle; si tratta della stessa arma con cui secoli dopo, in Predator 2, il protagonista Tenente Mike Harrigan, interpretato da Danny Glover, viene premiato dall’anziano del gruppo giunto sulla Terra per prelevare il Predator ucciso dal poliziotto.

I fan di “Predator” non rimarranno delusi da “Prey”. È un giro in un parco divertimenti spaventoso e divertente che suscita anche una risposta emotiva sorprendentemente tenera. 

Articoli correlati
Recensioni

American Beauty (1999)

American Beauty è un film del 1999 scritto da Alan Ball e diretto da Sam Mendes, vincitore di…
Continua
Recensioni

Alien Covenant (2017)

Alien: Covenant è un film del 2017 diretto da Ridley Scott. La pellicola è il sequel del film di…
Continua
Recensioni

Prometheus (2012)

Prometheus è un film di fantascienza del 2012 diretto da Ridley Scott, con protagonisti Noomi…
Continua
VUOI DIVENTARE UN AUTORE NERD CAFFÉ?
Questa è l'occasione giusta

Potrai contribuire scrivendo le notizie, le recensioni e gli articoli che vengono pubblicati ogni giorno sul sito. La collaborazione è a titolo gratuito e non è prevista retribuzione.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *