Recensioni

Supernatural: Dopo 15 stagioni ecco Il finale della serie

Non pensavo che questo sarebbe stato il giorno. Ma è. E va bene così.

Come dice Dean Winchester, per lui sarebbe sempre finita così. Dopotutto, combattere è alla maniera di Winchester. E non sono quasi mai i tempi che ti aspetti: le grandi battaglie che scuotono il mondo e tutto in linea sono troppo cruciali, troppo piene del loro significato, per consentire la morte di uno dei fratelli Winchester. (Soprattutto dal momento che Dio ha sempre tirato le fila, fino ad ora.) No, doveva essere un caso casuale, solo un altro viaggio per salvare alcune persone e uccidere alcuni mostri. Alla fine, uno di quei mostri sarebbe stato fortunato. Questo era quel giorno. Ma le creature non li hanno uccisi entrambi. Sam Winchester ha dovuto guardare suo fratello morire. Inoltre, doveva mentire, doveva dire che andava bene. Forse nel grande schema delle cose, la visione a lungo termine in cui puoi vedere un’eventuale riunione in paradiso, va bene. Ma per noi mortali, costretto a continuare a vivere? No. Non andrà mai davvero bene.

Al suo meglio, la struttura di “Carry On” rispecchiava l’esperienza di dolore provata da chiunque abbia perso inaspettatamente qualcuno vicino. Un giorno, le cose sono completamente normali (e solo per aiutare a portare a casa quel punto, la canzone di Van Morrison “Ordinary Life” suonata sopra il montaggio di apertura della nuova routine quotidiana dei fratelli), la persona che ami è morta. È soprannaturale E’ merito di averci fatto sedere con il peso di quella perdita. Innanzitutto, tutto il terzo atto è stato dedicato alla lenta e tranquilla morte di Dean Winchester. Rendendosi conto di avere solo pochi minuti da vivere, Dean dice a suo fratello tutto ciò che può: quanto ama Sam, quanto è orgoglioso di suo fratello minore e quanto lo ha sempre ammirato. (E non solo letteralmente, questa volta.) È crudo, ed è scomodo, ed è straziante, come dovrebbe essere la morte. Sì, Sam gli dà il permesso di andare. Ma quel permesso è per Dean; Sam in realtà non è pronto a lasciarsi andare, e non c’è motivo per cui dovrebbe esserlo. In uno spettacolo che ha trascorso più stagioni a trattare la morte con troppa leggerezza, questo ha fatto male.

Sam brucia il corpo di suo fratello, ovviamente, e si prende del tempo per assorbire il peso della perdita. Ma la mattina dopo, Sam si sveglia, e nel passaggio da quei primi momenti di stordimento di coscienza al ricordo di dove si trova e cosa è successo, il giovane Winchester deve sopportare di nuovo il dolore della morte di Dean. C’è ancora la routine mattutina, la colazione, il cane… ma è stato svuotato dalla vita. Le stesse cose che una volta portavano gioia ora lo tormentano. È l’estrema crudeltà della morte di una persona cara: se ne vanno, ed eccoci qui, bloccati, a dover andare avanti.

Ma continua, Sam lo fa, ha promesso a suo fratello che sarebbe andato tutto bene, che avrebbe continuato a combattere la battaglia, qualunque cosa accada. Quindi, quando arriva la chiamata su alcuni corpi trovati con i loro cuori rimossi, Sam fa quello che fa un Winchester. Esce per indagare. Ma questo non è solo il prossimo caso dopo una tragedia irredimibile. Anche prima di dare un’ultima occhiata al complesso dei Men Of Letters, è chiaro che Sam se ne andrà. I ricordi qui sono troppo intensi, come un nervo scoperto che viene colpito ogni volta che si apre il tostapane, o Sam passa la stanza di Dean. Restare lì sarebbe come seppellire se stesso nel passato, nel dolore per la morte di Dean. Quindi fa quello che fanno i cacciatori; prende la via della strada.

Tuttavia, lasciare un pubblico intrappolato all’indomani della tragedia sarebbe una conclusione troppo dura. Supernatural non vuole lasciarci con l’amaro in bocca, quindi fa perno sulla speranza. Con Jack come nuovo Dio, il paradiso è stato riorganizato dal disastro che era diventato. Bobby è di nuovo libero e l’aldilà non è più solo rivivere bei ricordi; è la creazione di ciò che vuoi. Dean arriva, e c’è un senso di tranquilla accettazione, una pace concessa al fratello che era sempre troppo arrabbiato, troppo appassionato, per permettere a qualcosa di così rassicurante come la pace di entrare nel suo spirito. Eppure, c’è davvero solo una cosa che Dean vuole veramente. Quindi va a fare un giro, uno che gli prende esattamente il tempo necessario per far passare l’intera vita di Sam Winchester.

Sam ha scelto di abbracciare la vita; dare un altro significativo, un figlio, un nuovo mondo di amore e affetto per aiutare a riempire il vuoto lasciato dalla scomparsa di suo fratello. Ci sono molte ragioni per scegliere la vita sul dolore, l’emozione sull’intorpidimento, ma forse una delle più profonde è perché l’unico motivo per cui ognuno di noi è qui è perché altri ci hanno portato in questo mondo sapendo che, nel migliore dei casi, dovranno morire mentre andiamo avanti. Non vivere dopo che se ne sono andati sarebbe un tradimento della loro memoria. Dean Winchester lo ha ricordato a Sam nei suoi ultimi momenti, e l’episodio si appoggia alla realtà del tentativo di vivere una vita piena offrendo allo stesso tempo la speranza di qualcosa dopo. Chiamala fantasia, chiamala fede, Supernatural non è mai sembrato molto interessato alla religione organizzata come nient’altro che un ostacolo istituzionale per i nostri angeli migliori: l’incrocio tra la vita di Sam sulla terra e il viaggio nell’aldilà di Dean era un modo per evidenziare l’idea che tutto ciò in cui ognuno di noi può sperare è la pace nella morte . Per i Winchester, questo significava stare insieme.

supernatural series finale header

L’episodio nel suo insieme non potrebbe essere più semplice: la vita è imbarazzante, divertente e spesso piuttosto sciocca, e poi muori. Ma durante il tempo che hai, cerchi di far sì che significhi qualcosaSupernatural parlava di guardare Sam e Dean combattere la battaglia, più e più volte, si spera con alcune battute e alcune belle gag visive. Raramente diventava terribilmente profondo, a parte qualche puntata qua e là. Per lo più, si trattava di fornire un po’ di quel conforto che ho menzionato sopra: guardare due uomini seri ma fallibili provare e riprovare, a volte fallendo, ma sempre rialzandosi e tornando a fare ciò che speravano fosse la cosa giusta. Di solito significava un’avventura spensierata, a volte con qualche spavento o dramma interpersonale gettato in buona misura (ok,forse un po’ troppo litigio fratello-contro-fratello in quelle mezze stagioni), ma sempre con un occhio all’azione. Ammirevolmente, ha mantenuto un impegno per la narrazione dei mostri della settimana anche durante gli archi narrativi più contorti della stagione, come se ci ricordasse che la vita è per lo più solo un processo per superare la giornata, o la settimana, o il mese, così possiamo essere qui per il prossimo. Il fatto che sia finito con un pugno nello stomaco emotivo sembra fedele a quello spirito di guida quotidiana. Supernatural non sarà ricordata come una delle grandi serie di tutti i tempi, ma dovrebbe essere ricordata come una dannatamente buona. Questo è il giorno in cui finisce. E va bene.

Articoli correlati
Recensioni

Prey (2022) - La recensione del prequel di Predator

“Prey” vale la pena spendere i soldi per vederlo sullo schermo più grande…
Continua
Recensioni

American Beauty (1999)

American Beauty è un film del 1999 scritto da Alan Ball e diretto da Sam Mendes, vincitore di…
Continua
Recensioni

Alien Covenant (2017)

Alien: Covenant è un film del 2017 diretto da Ridley Scott. La pellicola è il sequel del film di…
Continua
VUOI DIVENTARE UN AUTORE NERD CAFFÉ?
Questa è l'occasione giusta

Potrai contribuire scrivendo le notizie, le recensioni e gli articoli che vengono pubblicati ogni giorno sul sito. La collaborazione è a titolo gratuito e non è prevista retribuzione.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *